22 Ottobre 2018

Ora l’aspirapolvere si svuota anche da solo!

L’aspirapolvere smart che si svuota in autonomia

Stufo di svuotare il sacchetto dell’aspirapolvere? Per fortuna c’è Roomba i7, un nuovissimo modello di aspirapolvere robot che riconosce quando il sacchetto è pieno e lo svuota in completa autonomia.

Gli oggetti tecnologici per una casa perfetta e gli aspirapolvere smart esistono ormai da molti anni e sono capaci di riconoscere la casa, adeguarsi alla sua grandezza, mapparla e pulire il tuo pavimento senza passare due volte nello stesso posto mentre tu puoi tranquillamente rilassarti.

L’unica ‘seccatura’ che rimaneva da togliere, era proprio svuotare il serbatoio della polvere e cambiare il sacchetto interno. Per questo motivo, in un certo senso, il proprietario dell’aspirapolvere doveva in qualche modo sempre interagire con il robot una volta che aveva terminato di pulire.

La novità in questo caso sta proprio nel fatto che l’aspirapolvere smart non avrà più bisogno di te: terminata la pulizia, infatti, sarà capace di ‘svuotarsi’ da solo fornendoti già un sacchetto pronto per essere gettato.

Com’è possibile? Grazie alla stazione di ricarica, realizzata con un serbatoio posteriore dove per 30 giorni Roomba i7 può svuotare il proprio sacchetto interno e continuare così a pulire la tua casa senza problemi. Una volta che il serbatoio avrà raggiunto il livello massimo di capienza sarai avvisato da una notifica e il piccolo robot realizzerà un sacco con tutta la polvere raccolta che potrai direttamente buttare nel cassonetto.

Ovviamente questo aspirapolvere smart ha anche tante altre funzioni come quella di poter etichettare le singole stanze del tuo appartamento sull’app iRobot Home, così da tenere controllate quelle in cui sta lavorando e, in caso di necessità, mandare un comando per farlo procedere altrove.

La mappatura delle stanze non è sicuramente una funzione innovativa, ma questo nuovo modello permette di fornire al robot una mappa molto basilare della casa, per aiutarlo a pulire in maniera più efficiente. Inoltre non cancella la planimetria dopo ogni pulizia ma la mantiene sempre, memorizzandone una copia nel cloud. Se questo ti fa dubitare per la tua privacy, niente paura! Una copia della mappa è sul cloud ma le immagini catturate dalla fotocamera rimangono nel dispositivo.

Altra comodità è che puoi gestire questo robot con gli assistenti vocali di Google Home e quindi ti basterà un semplice “Ok Google, pulisci il soggiorno” per far inziare le pulizie di casa in tutta tranquillità.

Se sei quindi una persona prigra amante della tecnologia e hai anche poca voglia di prenderti cura della casa… un aspirapolvere smart è sicuramente l’oggetto che fa per te!

CONDIVIDI con: